Non sempre l’erba del vicino…

16 settembre 2008 at 5:16 pm 2 commenti

forat de la vergonya (da Flickr - Sinsistema)“Ecco alcune delle ordinanze municipali ‘per incentivare e garantire la convivenza nello spazio pubblico di Barcellona’. Questi regolamenti sono stati approvati il 23 dicembre 2005 dall’ amministrazione di centrosinistra che da più di vent’anni governa la città e hanno provocato contestazioni e manifestazioni di protesta soprattutto nelle strade del centro storico in cui sono state applicate con maggiore rigidità”.

Inizia così un trafiletto sull’ultimo numero di Napoli-Monitor, un’interessante rivista mensile pubblicata nella mia città, che purtroppo non ha (ancora?) un sito web (ma un po’ viene descritta qui, dopo l’immagine fuori misura).
Il resto del trafiletto lo riassumo un po’, ché sto copiando a mano e non copia-incollando, e lo riordino in funzione della entità delle multe previste.

— Proibito chiedere l’elemosina se si ostacola il libero transito delle persone. Multa fino a 200 euro. (art. 35.4)
— Proibito accamparsi, dormire o fare uso improprio delle panchine, o utilizzare le fontane per lavarsi e lavare panni. Multa fino a 500 euro (art. 58.2)
— Proibita la vendita ambulante senza permesso, e l’acquisto dagli ambulanti abusivi  nonché la prestazione di servizi non autorizzati (tarocchi, veggenza, massaggi o tatuaggi). Multa fino a 500 euro. (artt. 50.1, 50.3, 54.1, 54.3)
— Proibito distribuire locandine e manifesti per strada. Multa fino a 750 euro. (art. 23.5)
— Proibito giocare per strada se la cosa molesta i vicini e con oggetti “pericolosi” (palloni, pattini, skates…). Multa fino a 1500 euro. (artt. 31.1 e 31.2)
— Proibito realizzare dipinti o graffiti anche in spazi privati, senza autorizzazione municipale. Multa fino a 1500 euro. (artt. 20.1 e 20.2)
— Proibito offrire servizi sessuali che limitino la compatibilità con altri usi della strada. Multa fino a 3000 euro.
Inoltre
— Proibito bere alcol per strada, in lattina o vetro, in gruppo o in presenza di adolescenti. Ma consentito bere al tavolino del bar. Multa non riportata.
— Il Comune può esigere dagli organizzatori di eventi che si svolgono in spazi pubblici un atto che contenga garanzie o assicurazioni contro eventuali danni (art. 14.1). Gli organizzatori sono obbligati a comunicare alla polizia se qualcuno dei partecipanti fa danni o imbratta (art. 20.3) e possono essere obbligati a risarcire i danni (art. 14.2).

L’informazione mi pare  interessante, dal nostro punto di vista, di abitanti in città italiane dove cose analoghe sono all’odg oggi. E la somiglianza con il testo sistematico di Firenze mi sembra impressionante.
Poi, ovviamente, sarebbe ancora più interessante capire gli esiti di queste regole in quel di Barcellona — sulla percezione di (in)sicurezza ma anche sulla vitalità urbana — visto che lì possono ormai vantare un consistente periodo di applicazione.
L’articolo principale a fianco al trafiletto (un’intervista all’antropologo catalano Manuel Delgado, da tempo assai critico sull’andamento della riqualificazione della città), suggerisce una qualche relazione fra quelle regole e la rapida conclusione di una (effettiva o solo sognata) età dell’oro degli spazi pubblici. Quelli di Barcellona. Ma forse non solo quelli.

ps. Per eventuali interessati ad approfondire il tema, un punto di partenza (ufficialissimo) è qui, con l’ordinanza completa.

credit. La foto di Sinsistema si riferisce al cosiddetto Forat de la Vergonya, uno spazio in contestata riqualificazione. L’originale è qui.

Annunci

Entry filed under: appunti, città, politiche urbane. Tags: , , , , , , , , , , .

Voteremo i nominati anche alle europee? Tutto torna

2 commenti

  • 1. danilla  |  6 dicembre 2008 alle 7:45 pm

    grazie Vale, con grande ritardo (ma purtroppo non passavo di qui da molto tempo)

  • 2. Valentina  |  20 novembre 2008 alle 6:53 pm

    Cara Daniela, molo carino il tuo blog Danilla.
    In verità se non ne avessimo parlato oggi non me lo sarei perso per la strada…e invece ci ritrovo anche la foto del Forat..insieme al pensiero di Luca sullo spazio collettivo (un po’ crostiano o sbaglio?anzi forse dà anche qualche indirizzo in più sul come…)
    Molto interessanti le ordinanze creative, il filmato sui graffiti e il filmato sul condominio, palcoscenico veramente HARD in cui sperimentare l’arte della mediazione……


OCCHIO AI COOKIES

Nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali (8 maggio 2014) si avvisa che questo blog o gli strumenti terzi da esso utilizzati si servono di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Come per tutti i blog wordpress.com, la gestione della privacy e dei cookie è curata da Automattic (la società che gestisce la piattaforma) secondo questa policy. Proseguendo la navigazione dai il tuo consenso all'uso dei cookie. Puoi disattivare i cookie direttamente dal tuo browser, come si spiega qui. Per altri approfondimenti sulla cosiddetta Cookie Law, qui.

calendario

settembre: 2008
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

vai per mese

città

La sera scese sul vicinato ... Dalle case salivano odori di frittura e profumi di insalate tagliate sottili, e una freshezza rugiadosa di cetrioli sbucciati da bagnare nello yogurt, o nella panna acida se ce n'è, e odori di cipolle che avvolgono l'aringa in piccoli piatti, e frittate che saltano nelle padelle, e fette di pane al cumino che si tagliano in tavola. Cieli d'estate si annerivano lentamente sull'orlo dell'orizzonte. Dal terzo piano salivano nuove note del pianoforte...
[David Grossman, Il libro della grammatica interiore, 1992, or. 1991]

Su Libération, lo storico Jacques Le Goff afferma: "Il metrò mi disorienta". La gente che prende il metrò tutti i giorni si sentirebbe disorientata recandosi al Collège de France? Non abbiamo l'opportunità di verificarlo.
[Annie Ernaux, Diario dalla periferia, 1994, or.1993)]

planners (e altri esperti)

A parte qualche caso di corruzione e una diffusa avidità per la "vigna altrui", all'origine dei nostri guai ci sono, nel complesso, ottime intenzioni.
[Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città, 1969, or. 1961)]

proto-Amazon

25 settembre 1950
Caro Frank, ... Mi spedisca anche l'Oxford Verse, per favore. E non si domandi mai se ho trovato qualcosa da qualche altra parte, non cerco più nulla da nessun'altra parte. Perché mai dovrei farmi tutta la strada fino alla 17th St. per comprare libri sporchi e mal fatti quando ne posso acquistare di puliti e belli da voi senza abbandonare la mia macchina da scrivere? Da questa sedia è infinitamente più vicina Londra che non la 17th Street.
[Helene Hanff, 84 Charing Cross, 1970]

people sitting

     un gruppo di Flickr che mi piace
People sitting - Flickriver
___
     oppure, direttamente al gruppo
     cioè pool, e discussioni
     (pure lì, ma non a parole)

prove di foto, su Flickr

facebook

se sei su Facebook,
il diario (orrore!) di danilla .
però essere amici
non è obbligatorio

link vari. con qualche ordine
in costruzione + o -sempre
al momento pochissimo aggiornato,
ché gli amici crescono, e il tempo no

aggregatori

nessuno, al momento

pagine (come nella barra)

cose + o – utili

Questo blog non è una testata giornalistica, viene evidentemente aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.
Le immagini utilizzate sono personali, di dominio pubblico o coperte da licenze Creative Commons.
Se trovate immagini che violano diritti d'autore, segnalatelo e Danilla provvederà alla pronta rimozione.

Per il resto, i contenuti s'intendono pubblicati sotto la Licenza Creative Commons by-nc-sa /3.0.
Ove mai ne abbiate voglia, potete quindi liberamente citare e riutilizzare cose: non per scopi commerciali, citando l'autore e condividendo i risultati allo stesso modo.

Creative Commons LicensePer altre info, cliccare sulla figurina qui a lato.

contatti: danillawp/@/gmail.com

avvistati

  • 15,676 passanti

cause, anche perse / campagne / cose a cui tengo / eccetera

testamento biologico

logo fammi scegliere

"Siamo convinti, al di là degli steccati ideologici, che la maggioranza degli italiani pensi che le persone siano in grado di decidere da sole quando si tratta della propria vita e che non vogliano delegare questa scelta a nessun altro.
E allora facciamola vedere questa Italia diversa da quella che viene rappresentata in tv e in parlamento: un’Italia più libera e più umana".