Scassare l’urbanistica?

14 luglio 2012 at 9:50 am

update.  L’assessore ha risposto (?) ai critici: stanno per accrescere la loro managerialità.

Non sono certa di riuscire a rianimare stabilmente questo blogghetto però intanto ci metto l’articolo che è uscito oggi su Repubblica – Napoli  (ma ripristinando almeno nel titolo del post la domanda che mi ha ispirato).

mostra_ nella_vecchia_casa-della-citta'

Un ufficio da rafforzare

Nel mondo di quanti si occupano di città – per mestiere, passione politica o affetto  – ha destato sconcerto una notizia. La notizia che il Comune di Napoli smantella il suo servizio dedicato alla Pianificazione urbanistica. Poichè faccio parte del mondo citato, e per tutte le ragioni indicate, le considerazioni di Francesco Minisci pubblicate venerdì da questo giornale mi invitano a qualche riflessione ad alta voce che mi piacerebbe potesse entrare in un vero dibattito pubblico.
Provo a essere breve e dunque anche schematica e procedo per punti.

1. Mi pare comprensibile che l’amministrazione proceda a ristrutturazioni della macchina comunale che dovrebbero essere ispirate – insieme – a ragioni contabili e di efficacia dell’azione. Non trovo dunque necessariamente scandaloso accorpare l’urbanistica ad altri campi di politiche ma mi chiedo se sia proprio in quel settore che si nascondono sprechi e inefficienza. Più in generale, non mi è chiaro qual è l’architettura immaginata per una nuova macchina più sobria e più efficace.

2. Conosco personalmente parecchi dei cosiddetti ragazzi del piano, con i quali mi è capitato di collaborare come (spesso) di polemizzare e non considero quella squadra un mito intoccabile. Inoltre, anche i ragazzi prima o poi invecchiano e/o desiderano fare altre esperienze. Anche qui, tuttavia, è curiosa la leggerezza con cui si decide di disperdere un capitale umano e di competenze che innegabilmente si era cumulato.

3. Sono convinta da sempre che avrebbe molto senso accorpare i settori che curano urbanistica e edilizia – che nel Comune di Napoli sono invece separati fino dalla metà degli anni ’90 – con esiti che non definirei brillanti.
Per fare un solo esempio comprensibile anche ai non addetti ai lavori: in città sono affidate al settore edilizia (o ad uffici particolari) e non all’urbanistica, quasi tutte le forme cosiddette innovative di pianificazione attuativa che hanno fra i loro obiettivi primari di promuovere trasformazioni più integrate, e concertate con operatori privati. Dunque politiche almeno in teoria molto poco edilizie.
Nei fatti, come sa chi ha seguito negli anni le vicende, nel campo dell’innovazione dei processi Napoli non può certo vantare grandi successi e anche sui prodotti non manca la discussione.
Dunque, la riorganizzazione dovrebbe comprendere almeno qualche indirizzo su questo punto, di cui invece non mi pare di scorgere traccia (ma ovviamente potrei essermi distratta).

4. Da recenti dibattiti anche con operatori, appare chiaro che a Napoli, di questi tempi, nessuno è particolarmente interessato a un ripensamento generale del piano regolatore e che – anche chi ne critica impostazioni o singole soluzioni – è invece interessato più che altro alla sua attuazione. Da questo punto di vista ha senz’altro ragione chi sottolinea che occorrerebbe rafforzare l’Ufficio di piano, rendendolo una struttura in grado di implementare (e non solo di redigere) piani. Ovvero, il contrario di quello che pare stia avvenendo.

5. Prima o poi, però, anche il Comune di Napoli dovrà rivedere i suoi strumenti urbanistici e dotarsi di un vero Piano Urbanistico Comunale secondo la normativa (e la filosofia) della legge regionale (e di quasi tutte le leggi regionali italiane).
Si dovrà imparare a distinguere la parte strutturale del piano – più di scenario e “lenta” – da una parte operativa che includa i pezzi del disegno generale da attuare in tempi certi e in base a reali propensioni all’investimento di operatori privati e pubblici.
Da questo punto di vista, la cultura e l’apprendimento generati negli anni ’90 certamente non basteranno ma buttare alle ortiche la dote di partenza non sembra una mossa geniale.

Infine, se è consentita una nota finale personale, per un docente che da anni è impegnato nell’impresa (collettiva, faticosa) di costruire e radicare a Napoli – finalmente! – un percorso di studi specifico in urbanistica, l’idea che, di nuovo, a questo campo del sapere – e del fare – venga sottratta una identità riconoscibile è davvero frustrante.

L’amministrazione De Magistris, se proprio ci tiene, scassi pure.
Ma sarebbe bello che provasse a scassare quello che non ha mai funzionato (o ha fatto danni) piuttosto che pratiche e strutture che, tra mille difetti, costituiscono una potenzialità.

::

ps.  Sono molto grata agli amici di Repubblica per la tempestivissima e praticamente integrale pubblicazione del pezzo.  Peccato solo che – per una volta – avevo aggiunto un * con la mia carica accademica (Presidente del corso di laurea in Urbanistica della “Federico II”) che invece manca.
Non ci tengo affatto, di solito,  però  dato il tema  mi pareva una info utile e pertinente.

credits. L’immagine è un particolare da un antico pannello che dava conto del lavoro comunicativo svolto da un pezzettino del servizio pianificazione (la Casa della Città). Con un po’ pazienza, l’originale lo  trovate qui.

Annunci

Entry filed under: città, napoli, politica, politiche urbane. Tags: , , , , .

Preziose precisazioni Atti vietati


OCCHIO AI COOKIES

Nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali (8 maggio 2014) si avvisa che questo blog o gli strumenti terzi da esso utilizzati si servono di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Come per tutti i blog wordpress.com, la gestione della privacy e dei cookie è curata da Automattic (la società che gestisce la piattaforma) secondo questa policy. Proseguendo la navigazione dai il tuo consenso all'uso dei cookie. Puoi disattivare i cookie direttamente dal tuo browser, come si spiega qui. Per altri approfondimenti sulla cosiddetta Cookie Law, qui.

calendario

luglio: 2012
L M M G V S D
« Ott   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

vai per mese

città

La sera scese sul vicinato ... Dalle case salivano odori di frittura e profumi di insalate tagliate sottili, e una freshezza rugiadosa di cetrioli sbucciati da bagnare nello yogurt, o nella panna acida se ce n'è, e odori di cipolle che avvolgono l'aringa in piccoli piatti, e frittate che saltano nelle padelle, e fette di pane al cumino che si tagliano in tavola. Cieli d'estate si annerivano lentamente sull'orlo dell'orizzonte. Dal terzo piano salivano nuove note del pianoforte...
[David Grossman, Il libro della grammatica interiore, 1992, or. 1991]

Su Libération, lo storico Jacques Le Goff afferma: "Il metrò mi disorienta". La gente che prende il metrò tutti i giorni si sentirebbe disorientata recandosi al Collège de France? Non abbiamo l'opportunità di verificarlo.
[Annie Ernaux, Diario dalla periferia, 1994, or.1993)]

planners (e altri esperti)

A parte qualche caso di corruzione e una diffusa avidità per la "vigna altrui", all'origine dei nostri guai ci sono, nel complesso, ottime intenzioni.
[Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città, 1969, or. 1961)]

proto-Amazon

25 settembre 1950
Caro Frank, ... Mi spedisca anche l'Oxford Verse, per favore. E non si domandi mai se ho trovato qualcosa da qualche altra parte, non cerco più nulla da nessun'altra parte. Perché mai dovrei farmi tutta la strada fino alla 17th St. per comprare libri sporchi e mal fatti quando ne posso acquistare di puliti e belli da voi senza abbandonare la mia macchina da scrivere? Da questa sedia è infinitamente più vicina Londra che non la 17th Street.
[Helene Hanff, 84 Charing Cross, 1970]

people sitting

     un gruppo di Flickr che mi piace
People sitting - Flickriver
___
     oppure, direttamente al gruppo
     cioè pool, e discussioni
     (pure lì, ma non a parole)

prove di foto, su Flickr

facebook

se sei su Facebook,
il diario (orrore!) di danilla .
però essere amici
non è obbligatorio

link vari. con qualche ordine
in costruzione + o -sempre
al momento pochissimo aggiornato,
ché gli amici crescono, e il tempo no

aggregatori

nessuno, al momento

pagine (come nella barra)

cose + o – utili

Questo blog non è una testata giornalistica, viene evidentemente aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.
Le immagini utilizzate sono personali, di dominio pubblico o coperte da licenze Creative Commons.
Se trovate immagini che violano diritti d'autore, segnalatelo e Danilla provvederà alla pronta rimozione.

Per il resto, i contenuti s'intendono pubblicati sotto la Licenza Creative Commons by-nc-sa /3.0.
Ove mai ne abbiate voglia, potete quindi liberamente citare e riutilizzare cose: non per scopi commerciali, citando l'autore e condividendo i risultati allo stesso modo.

Creative Commons LicensePer altre info, cliccare sulla figurina qui a lato.

contatti: danillawp/@/gmail.com

avvistati

  • 15,676 passanti

cause, anche perse / campagne / cose a cui tengo / eccetera

testamento biologico

logo fammi scegliere

"Siamo convinti, al di là degli steccati ideologici, che la maggioranza degli italiani pensi che le persone siano in grado di decidere da sole quando si tratta della propria vita e che non vogliano delegare questa scelta a nessun altro.
E allora facciamola vedere questa Italia diversa da quella che viene rappresentata in tv e in parlamento: un’Italia più libera e più umana".