Posts tagged ‘gli altri’

E ora, ecco a voi il divieto preventivo

ET_aha

Per il solito kebab (anche se a proporlo ancora nessuno ci ha provato, lì nel bergamasco), e  per i phone center (che invece il problema si era già presentato).
Niente telefono casa, dunque. Solo per “questione di decoro”, mica per altro…
E poi  il divieto preventivo riguarderebbe  pure le pizzerie (sempre se qualcuno volesse). Ma non le periferie, chè lì il decoro è meno importante, come si sa.

via Civati

::

ps. Poi ci sarebbero un po’ di dettagli e aggiornamenti per la questione burkini, ma ne parliamo un’altra volta ché qui si va a 3 all’ora.

Annunci

20 agosto 2009 at 3:12 pm

The Sound of Silence (gente in cerca di)

Essendo la soprascritta una solitaria, e per giunta ormai avviata verso una (onorevole)  mezza età — piccolo borghese e malmostosa qb —  sarei perfino pronta a capire l’esasperazione di Aldo Grasso.
Però mi chiedo:  possibile che fra gli opinionisti non ce ne sia mai nemmeno uno che sia un po’ amante del casino urbano?

londra2006 clerkenwell - urban oasis

ps. Per non parlare del fastidio di altri  insospettabili opinionisti per il casino vacanziero (per di più straniero e nordico).

2 agosto 2009 at 6:09 pm

Lookautarchia

lunica-ammessaNon ho tempo, ma la trovata di Lucca andrebbe approfondita oltre il solo appunto che è tutto quanto posso consentirmi al momento.
Il fatto è il  divieto di ristorante etnico in centro storico (in periferia, invece, ognuno  fa  come c…o gli pare) contenuto in un nuovo regolamento comunale.  Prima vittima prevista,  il kebab, ma la cosa minaccia tutti i cibi non-italiani (o forse non-lucchesi).

Per me, avrei inserito subito e a pienissimo titolo nella serie ordinanze pazze, pur non essendo il provvedimento esattamente un’ordinanza. Perché pare di capire che siamo alle solite (quasi): compresa la richiesta ai gestori di locali di vigilare sul comportamento degli avventori.
Vedo però che perfino Gilioli —  di norma lontano da approcci perbenisti-decoristi — riflette,  e documenta il dibattito in atto con molti link  (due volte grazie, da quiggiù la notizia mi era sfuggita!), ricevendo molti commenti.
Leggendo il tutto, allora, mi pare che il caso —  in realtà — metta in evidenza l’esistenza  di una malattia più latente ma forse addirittura più grave di quelle  prodotte dal solo virus del decoro,   innescata dal ben più pericoloso virus della identità (locale, urbana).

Se si guarda la cosa così,  infatti, non è più solo questione di cibi, odori, affollamenti, arredi, egoismi commerciali, razzismi  e quant’altro —  nonostante le apparenze — ma si va a finire ai luoghi comuni (in tutti i sensi) e quindi alle  idee di (buona) città.  Quasi direttamente.
E lì, come si sa, sono cavoli (non necessariamente neri) …

27 gennaio 2009 at 4:20 pm

Tutto il mondo è paese?

una scena da Wondrous Leggevo del prof. Steiner, che solleva un vespaio in quel di Londra per avere pubblicamente scusato (almeno un po’) il razzismo.
Quello (magari non correct ma legittimo, dice lui) di chi stava comodamente seduto a casa sua e improvvisamente si ritrova dei nuovi vicini giamaicani, che non solo suonano roba reggae (o rock) tutto il giorno ma, oltretutto, fanno scendere il valore della tua proprietà.
Benché il prof  stia in un College di Cambridge, e i suoi oppositori più o meno dalle stesse parti, mi sembrava di sentire discorsi di qui… e mi tornava in mente un passaggio di Enzensberger sulla territorialità.
In rete non trovo tracce utili, e non ricordo qual era il libro, ma il concetto era in un raccontino sul “fastidio” che progressivamente provano i viaggiatori di un treno, via via che lo scompartimento si riempie. Il primo (che stava appunto “a casa sua”) è infastidito dal secondo, ma poi entrambi sono complici nel fastidio per il terzo.

La vera differenza tra qui e Londra, però — temo — è che qui non assisteremmo mai ad accadimenti che pare si mescolino a questi discorsi. Tipo: le dimissioni immediate del consigliere politico di un sindaco (peraltro conservatore), su richiesta del sindaco medesimo, per il (solo) fatto che il consigliere in questione ha dichiarato qualcosa del tipo; «se ai caraibici non piace la nuova amministrazione possono tornarsene a casa loro».

Credit. L’immagine viene da qui, e si riferisce a questo film.

3 settembre 2008 at 3:15 pm

Ancora il velo

Ayan Hirsi Ali - senza il velo Lo capisco: quella di entrare o non in un posto con il velo non sembra (a noi, ancora) una questione cruciale. Infatti è una questione piccola, che è “montata” anche perché siamo in estate, eccetera.
Che tuttavia — secondo me — fa bene da spia di problemi più seri, che ci sono e ci saranno sempre di più nelle nostre città. E il clima cultural-politico dell’Italia 2008, come si sa, non è proprio dei migliori per affrontarle in modo aperto e intelligente… senza trasformare le città in prigioni e senza pregiudizi.

Insisto, dunque, visto che oggi Corsera ci torna su e intervista i responsabili di altri musei: la soluzione della “identificazione con salvaguardia della privacy” potrebbe essere una ragionevole mediazione. Così come a me pare moltissimo ragionevole la soluzione più privata (e assai meno di mediazione) “scelta” dalle due donne con il burqa che sono andate con le loro famiglie al museo veneziano donde la questione è nata. : “La famiglia è entrata” — racconta la Augusti — “Loro si sono fermate all’ingresso dicendo ai custodi ‘che sapevano di non poter entrare con il volto coperto'”.

Poi, ovviamente, anche in me quel modo di essere donne, rinunciando a un sacco di cose, desta non poche perplessità (diciamo così), ma continuo a pensare che questa è un’altra battaglia (culturale, civile, di genere …), che peraltro si può fare solo con le donne islamiche — poco o molto osservanti — e non certo contro le stesse.

Credit. La foto di Ayaan Hirsi Ali è di Salvador Garcia Bardon (Sagabardon) e sta qui .

30 agosto 2008 at 1:32 pm 3 commenti


OCCHIO AI COOKIES

Nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali (8 maggio 2014) si avvisa che questo blog o gli strumenti terzi da esso utilizzati si servono di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Come per tutti i blog wordpress.com, la gestione della privacy e dei cookie è curata da Automattic (la società che gestisce la piattaforma) secondo questa policy. Proseguendo la navigazione dai il tuo consenso all'uso dei cookie. Puoi disattivare i cookie direttamente dal tuo browser, come si spiega qui. Per altri approfondimenti sulla cosiddetta Cookie Law, qui.

calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

vai per mese

città

La sera scese sul vicinato ... Dalle case salivano odori di frittura e profumi di insalate tagliate sottili, e una freshezza rugiadosa di cetrioli sbucciati da bagnare nello yogurt, o nella panna acida se ce n'è, e odori di cipolle che avvolgono l'aringa in piccoli piatti, e frittate che saltano nelle padelle, e fette di pane al cumino che si tagliano in tavola. Cieli d'estate si annerivano lentamente sull'orlo dell'orizzonte. Dal terzo piano salivano nuove note del pianoforte...
[David Grossman, Il libro della grammatica interiore, 1992, or. 1991]

Su Libération, lo storico Jacques Le Goff afferma: "Il metrò mi disorienta". La gente che prende il metrò tutti i giorni si sentirebbe disorientata recandosi al Collège de France? Non abbiamo l'opportunità di verificarlo.
[Annie Ernaux, Diario dalla periferia, 1994, or.1993)]

planners (e altri esperti)

A parte qualche caso di corruzione e una diffusa avidità per la "vigna altrui", all'origine dei nostri guai ci sono, nel complesso, ottime intenzioni.
[Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città, 1969, or. 1961)]

proto-Amazon

25 settembre 1950
Caro Frank, ... Mi spedisca anche l'Oxford Verse, per favore. E non si domandi mai se ho trovato qualcosa da qualche altra parte, non cerco più nulla da nessun'altra parte. Perché mai dovrei farmi tutta la strada fino alla 17th St. per comprare libri sporchi e mal fatti quando ne posso acquistare di puliti e belli da voi senza abbandonare la mia macchina da scrivere? Da questa sedia è infinitamente più vicina Londra che non la 17th Street.
[Helene Hanff, 84 Charing Cross, 1970]

people sitting

     un gruppo di Flickr che mi piace
People sitting - Flickriver
___
     oppure, direttamente al gruppo
     cioè pool, e discussioni
     (pure lì, ma non a parole)

prove di foto, su Flickr

facebook

se sei su Facebook,
il diario (orrore!) di danilla .
però essere amici
non è obbligatorio

link vari. con qualche ordine
in costruzione + o -sempre
al momento pochissimo aggiornato,
ché gli amici crescono, e il tempo no

aggregatori

nessuno, al momento

pagine (come nella barra)

cose + o – utili

Questo blog non è una testata giornalistica, viene evidentemente aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.
Le immagini utilizzate sono personali, di dominio pubblico o coperte da licenze Creative Commons.
Se trovate immagini che violano diritti d'autore, segnalatelo e Danilla provvederà alla pronta rimozione.

Per il resto, i contenuti s'intendono pubblicati sotto la Licenza Creative Commons by-nc-sa /3.0.
Ove mai ne abbiate voglia, potete quindi liberamente citare e riutilizzare cose: non per scopi commerciali, citando l'autore e condividendo i risultati allo stesso modo.

Creative Commons LicensePer altre info, cliccare sulla figurina qui a lato.

contatti: danillawp/@/gmail.com

avvistati

  • 15,700 passanti

cause, anche perse / campagne / cose a cui tengo / eccetera

testamento biologico

logo fammi scegliere

"Siamo convinti, al di là degli steccati ideologici, che la maggioranza degli italiani pensi che le persone siano in grado di decidere da sole quando si tratta della propria vita e che non vogliano delegare questa scelta a nessun altro.
E allora facciamola vedere questa Italia diversa da quella che viene rappresentata in tv e in parlamento: un’Italia più libera e più umana".