Posts tagged ‘museo’

….. 5 pointz

5 pointz da flickrLa foto qui a lato è del 2005, ma stamattina Repubblica (articolo e galleria) proponeva come una novità il caso di Five Points, sorta di laMecca dei graffitisti (ignoto fin qui anche a me).
La periferia diventa museo, si legge molto italianamente nel titolo. Per fortuna, però, non è così: navigare per credere.

Un po’ di storia del caso si trova qui (anche in spagnolo) e qui, con immagini (fatte a Pasqua 2007). Altre immagini si trovano qui e moltissime su Flickr. Dalle 300 e oltre foto di Barrybar — per il quale The Institute for Higher Burning è il posto where artists are welcome and don’t need to dodge the cops — a quelle di Otherthings.
Dai commenti a questa foto, peraltro, ci si può convincere che non di museo si tratta, ma di tutt’altra cosa: mutata e mutante. Tanto che si può fare la storia di un singolo muro… E poi, ovviamente, su Youtube ci sono i video (si può partire da qui).

Sul passato più lontano del quartiere — debitamente malfamato e noto fra l’altro per essere stato il luogo delle Gangs of NY di Martin Scorsese (che però ne ha ricostruito l’aspetto ottocentesco a Cinecittà) — molte altre risorse, fra cui questa storia. Titolo inequivocabile: Where “The Gangs” Lived.

Chi sa… venisse qualche spunto ai nostri austeri sindaci antigraffitari?

La foto da Flickr è una delle molte intitolate semplicemente Queens, NYC, di Barrybar

Annunci

18 novembre 2007 at 6:42 pm

Anche a Bari

Cercando altro, leggo un titolo del Corriere del Mezzogiorno edizione di Bari: “Via Sparano diventa un museo a cielo aperto”. E penso che (purtoppo) anche lì è arrivata questa terribile idea, di cui a Napoli siamo vittime ormai da tempo.

Forse, se ho tempo, mi informerò meglio sul progetto Bari crossing, vincitore di un concorso per rifare il look alla principale strada della città. Ma sono certa che poi avrò comunque lo stesso il dubbio che ho già. Un dissenso, in realtà, non un dubbio.
Insomma: ma perchè mai le strade — invece che essere, appunto, strade: comode, piacevoli, vive, belle… — debbono diventare musei a cielo aperto?

Che poi questa espressione concretamente significa (in questo caso, ma è quasi sempre una roba dello stesso tipo): “un susseguirsi di quattro slarghi, ognuno dei quali connotati da un palazzo storico”, dove non ci sono più palme e panchine, “rimosse per liberare la prospettiva”, bensì sculture. Come si conviene per i musei. Per un po’ di ombra, per leggere il giornale, per sedersi (o stare in piedi) a cazzeggiare e guardare gli altri che strusciano, niente da fare. Se proprio uno vuole svolgere queste o altre attività tipicamente urbane e non museali, si è deciso (dove? quando?) che i posti deputati sono altri: giardini, parchi, aree pedonali (sapientemente arredate, s’intende). E pazienza se stare lì, quasi sempre, non è ugualmente divertente.

E’ come se sindaci e assessori in cerca di consenso, dagli urbanisti, avessero (ap)preso il peggio: lo spirito antiurbano dell’urbanistica. Di cui si discute, e su cui si spara, da tempo immemorabile fra addetti ai lavori e colti, e che però, intanto, è filtrato nel senso comune, e nell’immaginario delle politiche urbane prét-a-porter. Così molto altro pensiero urbanistico (in senso lato) resta nei discorsi, o nei cassetti, ma questa parte la si mette in pratica. Del resto, costa poco, si vede parecchio, si realizza presto e fa contenta parecchia gente. A volte anche gli abitanti, a onor del vero.

16 settembre 2007 at 2:50 pm 4 commenti


OCCHIO AI COOKIES

Nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali (8 maggio 2014) si avvisa che questo blog o gli strumenti terzi da esso utilizzati si servono di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Come per tutti i blog wordpress.com, la gestione della privacy e dei cookie è curata da Automattic (la società che gestisce la piattaforma) secondo questa policy. Proseguendo la navigazione dai il tuo consenso all'uso dei cookie. Puoi disattivare i cookie direttamente dal tuo browser, come si spiega qui. Per altri approfondimenti sulla cosiddetta Cookie Law, qui.

calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

vai per mese

città

La sera scese sul vicinato ... Dalle case salivano odori di frittura e profumi di insalate tagliate sottili, e una freshezza rugiadosa di cetrioli sbucciati da bagnare nello yogurt, o nella panna acida se ce n'è, e odori di cipolle che avvolgono l'aringa in piccoli piatti, e frittate che saltano nelle padelle, e fette di pane al cumino che si tagliano in tavola. Cieli d'estate si annerivano lentamente sull'orlo dell'orizzonte. Dal terzo piano salivano nuove note del pianoforte...
[David Grossman, Il libro della grammatica interiore, 1992, or. 1991]

Su Libération, lo storico Jacques Le Goff afferma: "Il metrò mi disorienta". La gente che prende il metrò tutti i giorni si sentirebbe disorientata recandosi al Collège de France? Non abbiamo l'opportunità di verificarlo.
[Annie Ernaux, Diario dalla periferia, 1994, or.1993)]

planners (e altri esperti)

A parte qualche caso di corruzione e una diffusa avidità per la "vigna altrui", all'origine dei nostri guai ci sono, nel complesso, ottime intenzioni.
[Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città, 1969, or. 1961)]

proto-Amazon

25 settembre 1950
Caro Frank, ... Mi spedisca anche l'Oxford Verse, per favore. E non si domandi mai se ho trovato qualcosa da qualche altra parte, non cerco più nulla da nessun'altra parte. Perché mai dovrei farmi tutta la strada fino alla 17th St. per comprare libri sporchi e mal fatti quando ne posso acquistare di puliti e belli da voi senza abbandonare la mia macchina da scrivere? Da questa sedia è infinitamente più vicina Londra che non la 17th Street.
[Helene Hanff, 84 Charing Cross, 1970]

people sitting

     un gruppo di Flickr che mi piace
People sitting - Flickriver
___
     oppure, direttamente al gruppo
     cioè pool, e discussioni
     (pure lì, ma non a parole)

prove di foto, su Flickr

facebook

se sei su Facebook,
il diario (orrore!) di danilla .
però essere amici
non è obbligatorio

link vari. con qualche ordine
in costruzione + o -sempre
al momento pochissimo aggiornato,
ché gli amici crescono, e il tempo no

aggregatori

nessuno, al momento

pagine (come nella barra)

cose + o – utili

Questo blog non è una testata giornalistica, viene evidentemente aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.
Le immagini utilizzate sono personali, di dominio pubblico o coperte da licenze Creative Commons.
Se trovate immagini che violano diritti d'autore, segnalatelo e Danilla provvederà alla pronta rimozione.

Per il resto, i contenuti s'intendono pubblicati sotto la Licenza Creative Commons by-nc-sa /3.0.
Ove mai ne abbiate voglia, potete quindi liberamente citare e riutilizzare cose: non per scopi commerciali, citando l'autore e condividendo i risultati allo stesso modo.

Creative Commons LicensePer altre info, cliccare sulla figurina qui a lato.

contatti: danillawp/@/gmail.com

avvistati

  • 15,700 passanti

cause, anche perse / campagne / cose a cui tengo / eccetera

testamento biologico

logo fammi scegliere

"Siamo convinti, al di là degli steccati ideologici, che la maggioranza degli italiani pensi che le persone siano in grado di decidere da sole quando si tratta della propria vita e che non vogliano delegare questa scelta a nessun altro.
E allora facciamola vedere questa Italia diversa da quella che viene rappresentata in tv e in parlamento: un’Italia più libera e più umana".