Posts tagged ‘pd’

Un Obama è un Obama è un Obama

Dato che lì potevano, ora Obama può parlare di responsabilità.
O forse lì hanno potuto perché maneggiavano anche quel concetto insieme ad altri discorsi, anche meno “razionali”, comprendenti pure le passioni e le emozioni.
In ogni caso, quello che è accaduto lì c’entra con gli Usa e con molte altre cose del mondo, ma  non rende  i democrat italiani un corrispettivo credibile né una cosa potabile.  Non più dell’altro ieri (cioè per nulla).

ps.  Giusto un pensierino (ché questo  un po’ un diario). Altre cose, legate alla mia giornata di ieri, le ho messe (indebitamente)  di là ed è inutile ripeterle qui.

21 gennaio 2009 at 2:03 pm 1 commento

Ancora Soru

Non è che sono fissata, ma notavo poco fa che anche altri (abbastanza diversi fra loro) hanno gradito Renato Soru, guardando l’intervista di Fazio,  ieri sera a Chetempochefa.
Solo un  link, perché il video sul sito di Soru non riesco a postarlo e  sul sito Rai ancora non c’è (ora c’è un video  su Youtube, ma non è tutta l’intervista).  In compenso, offro qualche  suggerimento per eventuali visioni rapide, ché lento è lento, il Soru.

Dopo circa 6 minuti:  la mediazione non è compromesso. Nel senso che le mediazioni vanno certamente fatte, ma alte, pensando al futuro, e agli altri… Verso il minuto 8.00 si trova una roba strana, per le nostre parti, tipo che i progetti personali sono importanti, ma vanno visti dentro un progetto collettivo, o addirittura comunitario.  Perché  c’è un momento per se stessi, ma c’è un momento per noi stessi insieme agli altri…  e dunque  si può essere imprenditori senza inquinare, costruttori senza consumare il territorio, cittadini senza sprecare troppo e buttare i rifiuti nei posti più impensati.
Ancora due minuti e c’è una risposta sulla necessità di decisionismo (e secondo Soru  non è vero che ce ne vuole di più) e poi — dulcis in fundo — verso il minuto dodici, l’affermazione (scandalosissima al tempo di ponti) che l‘insularità non è (necessariamente) un limite.

A me continua a piacere, questo signore.

Poi,  hanno gradito (per quel che ne so) :  Ivan Scalfarotto (e il Ciwati dice che fa bene ad appassionarsi) e pure  Malvino, che l’appartenenza di Soru al Pd (con o senza correnti) la trova una spia del fatto che l’uomo proprio perfetto non dev’essere  (nell’aggiornamento  tuttavia  gli pare perfetto per il dopo-Veltroni).
L’altra volta che ne avevo parlato io, invece,  era qui, e dipendeva dall’ avere visto l’intervista qui sotto, alle Invasioni … sardoniche *.

Update 10 dicembre.  Grazie a chi  linka il blog e in particolare a Massimo, soprattutto per la segnalazione di un nuovo video. Dal quale si evince soprattutto che, dal vivo, il Soru è più … spigliato che in tv.

Update quasi natalizio.  Quando la stampa è…  attenta (?)


Vodpod videos no longer available.

* (postilla per quelli che non troppo amano Daria Bignardi) ebbene sì, pure questo video viene da lì.
Posted with vodpod

8 dicembre 2008 at 8:53 pm 8 commenti

Non si poteva fare, in effetti

Quello che mi fa più impressione è che Diego Bianchi avrà almeno 15 anni meno di me, eppure ci sono dei passaggi, nell’ultima puntata di Tolleranza Zoro, la nove, dove mi sembra di vedere un’altra me.
Come se il passaggio per quel maledetto partito — in uno qualunque dei vari stadi pre-piddi (pci, pds, ds) — avesse comunque segnato tutti noi. Anche se noi non si sa bene chi.
Insomma, mi associo al coro degli amanti dell’opera (e dell’autore), ridenti e/o commossi (più spesso tutt’e due le cose).

ps. L’unica vera differenza (sarà l’età?) è che io a votare il nuovo prodotto non ce l’ho fatta.
ps2. Poi ci sarebbero degli aspetti seri, nascosti nel gioco del video (compresa la questione che Valter e i suoi non capiscono che le emozioni contano, e i testimonial non tanto, se addirittura non funzionano al contrario), ma sarà per un’altra volta.

26 aprile 2008 at 10:02 pm 1 commento


OCCHIO AI COOKIES

Nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali (8 maggio 2014) si avvisa che questo blog o gli strumenti terzi da esso utilizzati si servono di cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Come per tutti i blog wordpress.com, la gestione della privacy e dei cookie è curata da Automattic (la società che gestisce la piattaforma) secondo questa policy. Proseguendo la navigazione dai il tuo consenso all'uso dei cookie. Puoi disattivare i cookie direttamente dal tuo browser, come si spiega qui. Per altri approfondimenti sulla cosiddetta Cookie Law, qui.

calendario

agosto: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

vai per mese

città

La sera scese sul vicinato ... Dalle case salivano odori di frittura e profumi di insalate tagliate sottili, e una freshezza rugiadosa di cetrioli sbucciati da bagnare nello yogurt, o nella panna acida se ce n'è, e odori di cipolle che avvolgono l'aringa in piccoli piatti, e frittate che saltano nelle padelle, e fette di pane al cumino che si tagliano in tavola. Cieli d'estate si annerivano lentamente sull'orlo dell'orizzonte. Dal terzo piano salivano nuove note del pianoforte...
[David Grossman, Il libro della grammatica interiore, 1992, or. 1991]

Su Libération, lo storico Jacques Le Goff afferma: "Il metrò mi disorienta". La gente che prende il metrò tutti i giorni si sentirebbe disorientata recandosi al Collège de France? Non abbiamo l'opportunità di verificarlo.
[Annie Ernaux, Diario dalla periferia, 1994, or.1993)]

planners (e altri esperti)

A parte qualche caso di corruzione e una diffusa avidità per la "vigna altrui", all'origine dei nostri guai ci sono, nel complesso, ottime intenzioni.
[Jane Jacobs, Vita e morte delle grandi città, 1969, or. 1961)]

proto-Amazon

25 settembre 1950
Caro Frank, ... Mi spedisca anche l'Oxford Verse, per favore. E non si domandi mai se ho trovato qualcosa da qualche altra parte, non cerco più nulla da nessun'altra parte. Perché mai dovrei farmi tutta la strada fino alla 17th St. per comprare libri sporchi e mal fatti quando ne posso acquistare di puliti e belli da voi senza abbandonare la mia macchina da scrivere? Da questa sedia è infinitamente più vicina Londra che non la 17th Street.
[Helene Hanff, 84 Charing Cross, 1970]

people sitting

     un gruppo di Flickr che mi piace
People sitting - Flickriver
___
     oppure, direttamente al gruppo
     cioè pool, e discussioni
     (pure lì, ma non a parole)

prove di foto, su Flickr

facebook

se sei su Facebook,
il diario (orrore!) di danilla .
però essere amici
non è obbligatorio

link vari. con qualche ordine
in costruzione + o -sempre
al momento pochissimo aggiornato,
ché gli amici crescono, e il tempo no

aggregatori

nessuno, al momento

pagine (come nella barra)

cose + o – utili

Questo blog non è una testata giornalistica, viene evidentemente aggiornato senza alcuna periodicità e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.
Le immagini utilizzate sono personali, di dominio pubblico o coperte da licenze Creative Commons.
Se trovate immagini che violano diritti d'autore, segnalatelo e Danilla provvederà alla pronta rimozione.

Per il resto, i contenuti s'intendono pubblicati sotto la Licenza Creative Commons by-nc-sa /3.0.
Ove mai ne abbiate voglia, potete quindi liberamente citare e riutilizzare cose: non per scopi commerciali, citando l'autore e condividendo i risultati allo stesso modo.

Creative Commons LicensePer altre info, cliccare sulla figurina qui a lato.

contatti: danillawp/@/gmail.com

avvistati

  • 15,648 passanti

cause, anche perse / campagne / cose a cui tengo / eccetera

testamento biologico

logo fammi scegliere

"Siamo convinti, al di là degli steccati ideologici, che la maggioranza degli italiani pensi che le persone siano in grado di decidere da sole quando si tratta della propria vita e che non vogliano delegare questa scelta a nessun altro.
E allora facciamola vedere questa Italia diversa da quella che viene rappresentata in tv e in parlamento: un’Italia più libera e più umana".